smartphone-571961_1280

La comunicazione

Cosa significa il termine comunicazione? Su cosa si basa e in quale percentuale?

Forse vi chiederete quanta attinenza abbia questo argomento in questo contesto relativo alle nuove tecnologie. La mia opinione in merito è che sia fondamentale sul web, proprio come nella vita di tutti i giorni essere consapevole dell’importanza e dei molteplici aspetti della comunicazione, soprattutto oggi in cui i canali e le modalità comunicative hanno subito sostanziali ampliamenti e trasformazioni. Proprio nell’ambito dei corsi di educazione digitale sottolineiamo sempre l’importanza di postare commenti con attenzione, perché ciò che si scrive, ancora più di ciò che si dice, resta. I corsi di educazione digitale sono diventati corsi di educazione alle relazioni digitali in cui si dà ampio spazio agli aspetti comunicativi e alle regole da rispettare, che come sempre non sono negoziabili.

Leggi l’articolo

fomo - hikikomori

FOMO, vamping, hikikomori, ma anche cyberbullismo e sexting

Antichi disagi (adolescenziali e non) e nuove espressioni

“Ultimamente dopo aver letto la pagina delle notizie su Facebook, con i post dei tuoi amici, ti senti assalire da una strana ansia e tristezza?” Forse soffri di FOMO.

“Rifiuti categoricamente il contatto con la società e dall’interno della tua stanza interagisci solo con il pc e la realtà virtuale?” Ti stai chiudendo al mondo come un hikikomori.

“I tuoi amici si divertono a prenderti in giro sul gruppo di whatsapp e questo dileggio non ti diverte affatto e sta assumendo proporzioni preoccupanti?” Sei vittima di cyberbullismo.

Questi nuovi termini coniati con l’affermarsi delle tecnologie nell’ambito dei nostri usi e costumi quotidiani, descrivono in chiave high-tech problematiche legate a disagi tipici della fase adolescenziale (e non) che con l’avvento di Internet e soprattutto dei social network, hanno assunto caratteristiche e sfumature differenti talvolta ben più preoccupanti rispetto al passato.

Leggi l’articolo

01Dic/16
geolocalizzazione_smartphone

Smartphone? Guida per i genitori

Non ci stancheremo mai di dirlo abbastanza: la rete è una risorsa!
Internet è uno strumento e come tale, per ottenere risultati proficui, bisogna utilizzarlo al meglio.
Lo spiego sempre durante gli incontri di educazione digitale rivolti ai genitori e agli insegnanti e mi ritrovo sempre tra persone che o demonizzano o santificano il mezzo.

Leggi l’articolo

09Nov/16
screenshot-26

Phubbing: un fenomeno in continua crescita

Come sono cambiate le relazioni sociali con la diffusione degli smartphone? Sono migliorate o sono peggiorate?

Sappiamo per certo che per molte persone lo smartphone è diventato uno strumento indispensabile, un mezzo di comunicazione del quale non si può più farne a meno.

Quante volte vi capita di vedere gente che attraversa la strada con lo sguardo rivolto allo smartphone?

E ancora…vi è mai capitato di essere ignorati mentre parlate con qualcuno notando che sta prestando più attenzione al suo cellulare che alla vostra persona?

Leggi l’articolo

13Ott/16
Gruppi whatsapp

Netiquette dei gruppi scolastici di Whatsapp

Whatsapp è un programma di messaggistica istantanea che attualmente conta più di un miliardo di utenti iscritti ed è entrato a tutti gli effetti di diritto nella nostra vita relazionale.

E’ uno strumento sicuramente utile per vari aspetti. Consente il recapito di messaggi immediati, l’invio di materiale multimediale (foto, video, documenti, messaggi vocali…) e consente di effettuare le chiamate.

Leggi l’articolo

22Set/16
sexting

Sexting, revenge porn e diritto all’oblio

In questi giorni fa molto discutere il caso di Tiziana Cantone, una ragazza napoletana che si è suicidata probabilmente per la diffusione in rete di alcuni suo video che riguardavano la sua sfera privata.

La domanda più ricorrente, quella che mi è saltata all’occhio su diversi articoli e post in rete è: “Chi ha ucciso Tiziana?”

Ho ricevuto diversi messaggi che richiedevano il  mio parere in merito e ho quindi deciso di chiarire alcune cose in modo semplificato. Leggi l’articolo